Spettrofotometro ad alta precisione: le novità nell’analisi del colore

spettrofotometro

Lo spettrofotometro è lo strumento deputato all’analisi ed alla comunicazione del colore in campo odontoiatrico. Questa tecnologia permette di misurare le varie gradazioni su carta, liquidi, plastiche e tessuti. Andiamo a scoprire le novità in atto e le tecnologie a disposizione degli odontoiatri.

Spettrofotometro

L’analisi del colore in odontoiatria è fondamentale per garantire al paziente un risultato finale che si avvicini il più possibile all’aspetto naturale del dente. I professionisti del settore possono usufruire di una vasta gamma di spettrofotometri, sempre più tecnologici e precisi, ma il più utilizzato resta quello portatile, che misura la luce riflessa con un angolo fisso rispetto al campione.

La tecnologia sta dando vita ad uno spettrofotometro di altissima precisione, in grado di analizzare le misure e descrivere in maniera ancor più dettagliata le sfumature cromatiche ideali in base alle esigenze del paziente. Questi nuovi macchinari, basati sulla tecnologia a LED, funzionano in qualsiasi condizione ambientale e di luce e si distinguono per il loro facile utilizzo in campo odontoiatrico. Sono caratterizzati, infatti, da software di ultima generazione compatibili con tutti i sistemi operativi Microsoft ed Apple.

Tra i valori analizzati dallo spettrofotometro rientrano luminosità, croma, tinta, valutazione in terzi, mappatura di dentine, smalti e traslucenza. Questi vengono, poi, confrontati con tutte le scale di colore ed i materiali esistenti, fornendo una risposta immediata al dentista. Il tutto in meno di un secondo per uno strumento che pesa meno di 1kg, quindi anche facilissimo da maneggiare.

Una volta scelto il colore, il professionista potrà avviare la terapia più adatta e trasmettere il dato elettronico al laboratorio, dove una stampante 3D si occuperà di realizzare una protesi uguale in tutto e per tutto all’originale e destinata a durare molti anni.

0 comments on “Spettrofotometro ad alta precisione: le novità nell’analisi del colore

Leave Comment